La Psicoterapia Biosistemica

La Psicoterapia Biosistemica ha l’obiettivo di ricreare la connessione tra pensieri, sensazioni ed azione, che sono gli elementi fondanti del sistema-emozione.
 Ricreando questa connessione si può riattivare la complessità del ciclo emotivo, la cui alterazione ha portato alla patologia.

La persona è vista come un sistema, fatto di corpo, mente ed emozione, e inserito all’interno di sistemi sociali e relazionali.
 In tutta questa rete di sistemi e sottosistemi interdipendenti, non è possibile individuare la causa di uno stato di malessere, si può solo vederne l’effetto, cioè come si manifesta il disagio. Si tratta allora di trovare i punti di questa rete in cui c’è un blocco, in cui si è alterata la comunicazione. 
La patologia induce infatti la persona a chiudersi in un solo sistema, in cui difficilmente potrà contattare tutte le sue risorse e potenzialità. L’obiettivo della terapia è quello di permettere l’accesso a uno stato emotivo bloccato, permettere nuove possibilità, aumentare il livello di integrazione.

Per poter connettere e integrare i diversi livelli nella persona, la biosistemica si avvale della teoria dell’inibizione dell’azione di Laborit (1). Esistono due meccanismi che controllano il comportamento umano: uno è orientato al piacere, l’altro alla lotta-fuga; Laborit scoprì una terza via: il sistema di inibizione dell’azione, che impedisce un’azione quando non è utile a cambiare uno stato di cose, per esempio quando potrebbe procurare una tensione maggiore.
 L’inibizione dell’azione per essere utile deve avere una breve durata, il suo prolungamento blocca l’alternanza tra sistema nervoso simpatico (attivo nel dispendio energetico) e parasimpatico (attivo nel recupero energetico) creando una situazione stressante fino alla malattia psicosomatica.

Nell’incontro con la persona il terapeuta, in un clima di empatia, di interazione reciproca, di co-costruzione di significati  potrà favorire la disinibizione dell’azione, della parola, e dell’emozione.

Studio di Cento
Studio di Bologna

(1) Henri Laborit, L’inibizione dell’azione, Il Saggiatore, Milano, 1986.

Nell’incontro con la persona il terapeuta biosistemico, in un clima di empatia e di interazione reciproca, potrà favorire la disinibizione dell’azione, della parola, dell’emozione.


Basandosi sull’osservare, seguire e amplificare un movimento e un’espressione, o nel ricrearli dove questi siano scomparsi, il paziente potrà riappropriarsi della corporeità perduta.

Adolescenti e Genitori: Giornate di supervisione

Esperienza di supervisione multidisciplinare in gruppo. In ogni incontro l’approfondimento teorico, ogni volta differente, servirà da base per una lettura esperenziale, quest’anno orientati al lavoro con gli adolescenti, la famiglia, la coppia genitoriale Ogni incontro [...]

 La respirazione consapevole come strumento efficace contro lo stress.

“Quando inspiri, torni a te stesso. Quando espiri rilasci ogni tensione” Thich Nhat Hanh La condizione di stress è una reazione dell’organismo per adattarsi ad un generico cambiamento fisico o psichico (H. Seyle, 1956), [...]

L’altra faccia dell’India Associazione Namaste – onore a te: una vacanza diversa

……questa io la chiamo passione! Che è contagiosa, che ti solleva anche quando sei stanca, che ti fa vedere il mondo con occhi diversi….  Sull’onda dell’entusiasmo di alcuni amici che partecipano ai miei corsi di [...]

Inaugurazione Studio Psicologia Psicoterapia Centro Surya 9 e 10 aprile

Lo Studio Psicologia Psicoterapia - Centro Surya nasce con l’obiettivo di accompagnare le persone che desiderano andare verso la realizzazione di se stessi, attraverso l’incontro con se stessi e con gli altri. Gli spazi del [...]

EMDR: lasciare il trauma nel passato

Nella mia pratica come Psicoterapeuta Biosistemica, centrata sul lavoro clinico psicocorporeo, ho introdotto già da alcuni anni, il metodo dell’EMDR. L’EMDR si basa sulla stimolazione oculare da parte del terapeuta sul paziente, secondo un protocollo [...]

Il Silenzio consapevole

Quando iniziai a svolgere la mia professione di psicoterapeuta, sapevo ancora poco riguardo alla meditazione. Praticavo Hata Yoga, e solo dopo incontrai il Kundalini Yoga, e con esso la meditazione. Incuriosita, leggevo testi di psicologi [...]

Respirare… con moderazione

Quando ero piccina mi dicevano di tenere “la pancia in dentro e il petto in fuori”; essere “educate e belle” implicava avere la schiena perfettamente dritta e la pancia piatta. La pratica poi per tanti [...]